19 January 2007

Molto difficile...


Delhi e' pesante come un macigno.Specie se sei cotto da divese ore di volo divise fra tre stati(Tailandia-Bangladesh-India).Gli occhi gia' stanchi diventano rossi per il traffico e la strana cappa che si trova a giro per le strade.Il ritoro in India pero'...
Dopo poche ore che ci sei di nuovo ti chiedi come mai ti piace tanto con tutto il casino che e'.Traffico ingestibile, gente che ti venderebbe anche il fegato 24h su 24 a provarci, gente che muore di fame che ti chiede l'elemosina, furboni di ogni sorta che provano a fregarti.Non lo so perche' mi piace, anzi lo so ma non so come spiegarlo.La botta piu' grande e' stata l'odore.All'inizio ero sorpreso di come mi sentissi a mio agio appena uscito dall'aereoporto.Quando ci sei gia' stato hai molti meno motivi di essere stupito.Tutte le cose che ti sembrano impossibili adesso le vedi come normali.Lo stupore della prima volta pero' toglie peso all'attenzione alle cose.Per cui la seconda volta che ci sei e' come se tu non te ne fossi mai andato perche' ritorni dove eri rimasto.Credo che l'India possa solo essere digerita e non completamente compresa.Quindi ritorni al tuo stadio di digestione.Quando sono uscito dall'India ero rimasto dove sono adesso.
Gli odori dicevo..
Dicono che l'olfatto sia il senso piu' forte e sicuramente e' vero perche' ho ricordato in un respiro tutti e due i mesi passati a giro per tutta l'India.Quell'odore che dice tutto di questo posto:e' tutto insieme.
L'odore della frutta, delle mucche, del traffico, del piscio, delle spezie, della poverta', dei cibi buonissimi.L'odore e' tutto insieme perche' e davvero tutto insieme.Il grande piatto dove hanno messo insieme antipasto, primo, secondo,contorno,dolce, amaro, caffe', curry e un po' di cardamomo(quello c'e' sempre) duro da digerire ma c'e' tutto.
Quello chemi mancava nel viaggio in Tailandia e che c'era negli altri posti.In Tailandia tutto e' semplice.
E' un posto(almeno i luoghi che ho visitato io) per vacanze e non per viaggi, specie se sei passato da questi altri posti.La Tailandia l'ho voluta ed era la cosa giusta da fare senno' esageravo.Dopo aver girato come un matto dovevo vivere un po' un posto in maniera piu' tranquilla.Ho visto troppa gente durante questo viaggio fulminata da quello che sta facendo.Gente che viene magari in India e fa l'Indiano cercando tanto intensamente di non essere occidentale che diventa cio' che un indiano non diventerebbe mai(percio' ridicolo).Dopo tre mesi inposti difficili ho pensato di riavvicinarmi piu' lentamente ai nostri modi.Penso di aver fatto bene anche se ero molto piu' attratto dal resto della Cina, che e' davvero "difficile".
Adesso che non parto avrei centinaia di pagine da scrivere e credo che continuero' anche per avere un ricordo di tutto questo una volta tornato a casa.Non credo che piccolotrombettista morira' dato che tra pochi mesi dovrei andare in Australia da Elia(novita' per alcuni di voi) per poi continuare a scorrazzare per il mondo.Piu' lentamente e con la tromba questa volta.Elia mi sta prendendo contatti per lavoretti e scuole in Australia e durante questo viagio mi sono fatto un bel po' di amici che mi hanno garantito pieno appoggio nel caso andassi nei loro paesi per studiare.I due ragazzi Yankee con cui ho passato le ultime settimane mi hanno IMPOSTO di stare in California per un po'(uno di loro ha il padre alle Hawaii e mi ci porta se voglio), in piu' hanno un bel po' di amici musicisti da presentarmi sia a Los Angeles che a New York.Insomma un bel po' di prospettive.Sarebbe bello fare un bel giro del pianeta con la tromba in spalla.E' un sogno ma chissa'.Certo che adesso che ho provato tutto questo sara' difficile tenermi fermo.Molto difficile....

6 comments:

camilla said...

Bel autoritratto, ma non ti facevo così invecchiato!
Tra quanto torni esattamente? anzi, dimmi il giorno, sennò non capisco niente con il fuso orario...
baci!

Rocco said...

Piccola Camillina, mi piacerebbe diventare cosi' da vecchio.Arrivo domattina.Proprio sabato mattina...
Ci crederesti??Adesso sono qui a Delhi e domattina sono a Peretol..Roba da pazzi...

Anonymous said...

e non sarai solo a peretola caro ciccio, forse saremo 180....

ciao ciao

grazie

Rocco said...

top!!Ci sto all agrande ma chi parla??Chi mi minaccia cosi'??

cami said...

A che ora arrivi? così vengo anche io!

nikopol said...

dopo aver felicemente ospitato le tue peregrinazioni orientali, non vorrei che questo blog fosse così superficiale da non narrare anche il tuo soggiorno reggellese.
confidando in te, ti saluto con l'augurio di poterci presto vedere.